Olanzapina (Zyprexa*)

Olanzapina è un potente tranquillante in grado di placare i principali sintomi della follia (psicosi) che sono allucinazioni e deliri; per questo, è classificata tra gli antipsicotici. Per le sue proprietà sedative generiche inoltre,  è utile anche per correggere l’aggressività, i comportamenti violenti e gli stati di esaltazione maniacale; ancora, viene utilizzata con successo come stabilizzatore dell’umore (stabilizza ma deprime) nelle forme bipolari gravi. Seppur non esplicitamente approvata per altri scopi, Olanzapina viene utilizzata a basso dosaggio per tutte le forme di disagio psico-emotivo: ansia generalizzata, attacchi di panico, depressione, insonnia, anoressia nervosa, ossessività. Può ancora essere utile  nel dolore cronico grave (cancro) e nella nausea e vomito associati alla chemioterapia.

Il suo effetto in una persona senza gravi disturbi psichici è assai sgradevole perché, anche a dosaggio basso (tipo 2,5 mg al giorno) provoca forte sonnolenza, stanchezza, calo di motivazione, di interesse, di entusiasmo: cose deleterie e tristi che Olanzapina ha in comune con tutti gli antipsicotici. Questi brutti effetti sono principalmente dovuti al fatto che gli antipsicotici abbassano il livello di dopamina che è il neurotrasmettitore del piacere, della gratificazione, della voglia, della libido, dell’azione; ma sono dovuti anche agli effetti antistaminici (sedazione e sonnolenza) e antiadrenergici alfa (stanchezza, ipotensione, sedazione). Gli antipsicotici tuttavia, così negativi per le persone normali, possono dare sollievo nelle gravi malattie psichiatriche come le psicosi o gli stati maniacali, poiché liberano il paziente da gravi sofferenze patologiche.

Olanzapina, più in dettaglio, viene classificata, insieme a Clozapina, Risperidone, Quetiapina e altri, tra gli antipsicotici “atipici” perché fa parte di quel gruppo di antipsicotici più recenti (rispetto ai “tradizionali” Aloperidolo, Cloropromazina, Promazina, Prometazina, Perfenazina ecc.) che spengono meno la dimensione cognitiva e l’umore del paziente e danno meno effetti collaterali neurologici (parkinsonismo, acatisia, rigidità, tremore); tali vantaggi sono dovuti alla loro azione antidopaminergica più blanda a livello prefrontale (cognizione e umore) e a livello dei nuclei della base (disturbi neurologici extrapiramidali). Molto utile per mitigare i disturbi neurologici è anche la potente azione antimuscarinica degli Atipici e in particolare di Olanzapina.

Per contro gli Atipici (e in primis Olanzapina e Clozapina)  hanno la grave pecca di far ingrassare molto (Olanzapina quasi 1 kg al mese) provocando alla lunga diabete, ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia. L’aumento di peso, di gliecemia, di trigliceridi e colesterolo, sono conseguenza del potente effetto di antagonismo che Olanzapina esercita sui recettori H1 dell’istamina, sui recettori 5-HT2C della serotonina e sui recettori D2 della dopamina; tale triplo antagonismo provoca marcato aumento dell’appetito associato a meno voglia di muoversi, minore sensibilità delle cellule all’insulina (e conseguente iperglicemia): come conseguenza di ciò ci è poi ipertrigliceridemia e ipercolesterolemia. Dell’iperglicemia è responsabile anche il potente effetto di antagonismo che Olanzapina esercita sui recettori M3 dell’acetilcolina, recettori presenti sia nel cervello che nel pancreas e il cui blocco inibisce la secrezione di insulina contribuendo all’iperglicemia. (Su questo argomento e sui rimedi per il sovrappeso da Olanzapina vedi il mio articolo Olanzapina: attenti al peso!

Riassumendo:

Olanzapina può essere utile nelle psicosi e nelle gravi forme bipolari; nelle malattie mentali più lievi invece essa è spesso di scarso aiuto se non di danno poichè provoca, anche a basso dosaggio, abbassamento dell’umore e dell’energia, sonnolenza e forte aumento di peso.    

Qui di seguito vi fornisco il link per accedere alla scheda tecnica completa di Olanzapina, redatta dall’AIFA, ente governativo che in Italia si occupa di farmacovigilanza: https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/aifa/servlet/PdfDownloadServlet?pdfFileName=footer_001561_040089_RCP.pdf&retry=0&sys=m0b1l3

Buona lettura

A. Mercuri