Tianeptina, un super-antidepressivo misterioso

La Tianeptina, una molecola sintetizzata in Francia nel 1960, è un farmaco ad attività ansiolitica, antidepressiva e broncodilatatrice appartenente chimicamente alla classe degli antidepressivi triciclici ma completamente diversa da questi per meccanismo d’azione ed effetti collaterali: agisce in modo tutto suo, senza aumentare i livelli dei neurotrasmettitori serotonina, noradrenalina o dopamina, senza stimolarne o inibirne i recettori e senza dare effetti collaterali di tipo anticolinergico, sedativo, cardiovascolare e sessuale. È utilizzato a volte anche nel trattamento dell’asma e dell’intestino irritabile. Attualmente è in vendita in alcuni paesi europei come la Francia e l’Austria ma per ragioni commerciali non in Italia, dove è tuttavia possibile richiederne l’importazione con il nome di Stablon o Coaxil.

La Tianeptina ha dimostrato di avere un effetto antidepressivo (nel trattamento della depressione maggiore) comparabile a quello di comuni antidepressivi come fluoxetina, amitriptilina, clomipramina e altri ma con molti meno effetti collaterali. Possiede inoltre un’attività ansiolitica che si affianca e completa l’attività antidepressiva e una attività psicostimolante e migliorativa dei deficit cognitivi indotti dalla depressione.

La Tianeptina ha dimostrato efficacia nel trattamento della depressione associata a sindrome di Parkinson, nel trattamento del disturbo post traumatico da stress (dove ha mostrato efficacia comparabile a moclobemide e fluoxetina ma con meno effetti collaterali, specie rispetto a quest’ultima), uguale efficacia ma maggiore tollerabilità rispetto ad amitriptilina nel trattamento dell’intestino irritabile, ottima tollerabilità negli anziani e nei pazienti in astinenza da alcool. Un ampio studio ha mostrato una notevole efficacia della Tianeptina nel trattamento dell’asma bronchiale. Altri studi ne hanno dimostrato il potenziale analgesico, anticonvulsivante e nel trattamento del deficit di attenzione ed iperattività. Di enorme importanza è inoltre la sua azione rigenerativa su amigdala e ippocampo danneggiati dalla depressione cronica. E’ da notare ancora che già entro le prime due settimane di trattamento con Tianeptina sono evidenti i miglioramenti sul tono dell’umore mentre con i comuni antidepressivi triciclici o SSRI è necessario attendere almeno tre-quattro settimane prima di cominciare a vedere i primi effetti. Di enorme importanza è inoltre il fatto che Tianeptina non provoca disturbi sessuali ma, al contrario, può migliorare la sessualità.

Ma come funziona questa misteriosa e trascurata Tianeptina? Dopo diversi decenni di studi durante i quali essa ha gelosamente custodito il proprio segreto, circa tre anni fa gli scienziati l’hanno capito: Tianeptina stimola direttamente gli stessi recettori stimolati dalla morfina (o in modo naturale dalle endorfine) senza tuttavia dare gli effetti di tolleranza e dipendenza che la morfina tipicamente dà. Dalla stimolazione di tali recettori per le endorfine denominati recettori per gli oppioidi di tipo Mu, discendono tutte le sue proprietà: modulazione dell’attività del glutammato, effetto neuro-rigenerativo su ippocampo e amigdala, effetto antidepressivo in particolare nelle depressioni con componente infiammatoria (PCR alta), effetto ansiolitico, effetto positivo sulle funzioni cognitive. In contrasto con SSRI e triciclici, Tianeptina non ha alcuna azione di inibizione della ricaptazione di serotonina e noradrenalina e non ha alcuna azione diretta contro alcun recettore noto all’infuori dei suddetti recettori per gli oppioidi Mu. In uno studio si è mostrata inoltre in grado di normalizzare il metabolismo dei mitocondri che risulta alterato nel corso di patologie psichiatriche come i disturbi depressivi specie se derivanti da eventi traumatici e stressogeni. È stato dimostrato ancora che Tianeptina è in grado di diminuire i danni ai nervi causati da agenti chemioterapici, in particolare conservando la sensibilità tattile a seguito della somministrazione di vincristina in modelli animali e di migliorare i sintomi della fibromialgia.

Gli effetti collaterali della Tianeptina sono in genere lievi e transitori e comprendono più comunemente mal di testa, costipazione, insonnia, sogni vividi, bocca secca, senso di vertigine: il più delle volte tali possibili disturbi iniziali spariscono pur continuando il trattamento. Per via della sua elevata tollerabilità paragonabile o, secondo alcuni autori, maggiore degli SSRI (non disturba la sessualità,  non fa aumentare di peso, non da aumento dell’ansia, non provoca disturbi del sonno) può essere raccomandato come appropriato trattamento di prima linea per i disturbi depressivi e di ansia.

Concludo facendo notare una cosa importante: nel mio articolo sugli effetti deleteri dei comuni antidepressivi (soprattutto SSRI) usati troppo a lungo (vedi: Depressione da antidepressivi: disforia tardiva) facevo notare come la cronica inibizione, protratta per anni, della ricaptazione della sertonina possa provocare non solo abitudine al farmaco con ritorno della sintomatologia depressiva ma addirittura la necessità di sospendere l’antidepressivo per stare meglio (effetto paradosso chiamato appunto disforia tardiva). Quando si arriva a questa estrema condizione di abitudine al farmaco, i comuni antidepressivi non possono più essere usati ed ecco che la Tianeptina ci viene in soccorso non avendo essa nulla  a che fare con la serotonina di cui ormai l’organismo ha la nausea ma avendo un meccanismo d’azione tutto suo; non ho inoltre trovato in letteratura nessun articolo scientifico che parli di assuefazione agli effetti antidepressivi della Tianeptina.

Nota importante: nonostante io abbia parlato con entusiasmo di Tianeptina ed essa sia effettivamente una molecola antidepressiva con grandi potenzialità, è da sottolineare che essa non è comunque adatta a tutti e solo un medico che l’abbia studiata e che abbia attentamente raccolto dati sulla vostra salute psicofisica può decidere di prescrivervela. 

Allego la scheda tecnica ufficiale di Tianeptina; non essendo venduto in Italia, esiste la versione in inglese: https://www.angelomercuri.it/wp-content/uploads/2020/07/Tianeptina-scheda-tecnica-e-fogl.-Illustr..pdf

Un caro saluto,

A. Mercuri

 

Bibliografia

Royer, RJ, Albin, H, Barrucand, D, Salvadori-Failler, C e Kamoun, A, Pharmacokinetic and metabolic parameters of tianeptine in healthy volunteers and in populations with risk factors, in Clinical Neuropharmacology, 11 Suppl 2, 1988, pp. S90–6, PMID 3180120.

Wagstaff, AJ, Ormrod, D e Spencer, CM, Tianeptine A Review of its Use in Depressive Disorders, in CNS Drugs, vol. 15, n. 3, March 2001, pp. 231–259, DOI:10.2165/00023210-200115030-00006, PMID 11463130.

Carlhant, D, Le Garrec, J, Guedes, Y, Salvadori, C, Mottier, D e Riche, C, Pharmacokinetics and bioavailability of tianeptine in the elderly, in Drug Investigation, vol. 2, n. 3, September 1990, pp. 167–172, DOI:10.1007/BF03259191.

Tianeptine ( Stablon ), su www.tianeptine.com.

Hany El‐Shafey, Ahmad Atteya e Samir Abu el‐Magd, ORIGINAL RESEARCH—ERECTILE DYSFUNCTION: Tianeptine Can Be Effective in Men with Depression and Erectile Dysfunction, in The Journal of Sexual Medicine, vol. 3, n. 5, 1º gennaio 2011, pp. 910–917, DOI:10.1111/j.1743-6109.2005.00141.x.

Defrance, C. Marey e A. Kamoun, Antidepressant and anxiolytic activities of tianeptine: an overview of clinical trials, in Clinical Neuropharmacology, 11 Suppl 2, 1º gennaio 1988, pp. S74–82.

J. Wagstaff, D. Ormrod e C. M. Spencer, Tianeptine: a review of its use in depressive disorders, in CNS drugs, vol. 15, n. 3, 1º gennaio 2001, pp. 231–259.

Koen Schruers e Eric Griez, The effects of tianeptine or paroxetine on 35% CO2 provoked panic in panic disorder, in Journal of Psychopharmacology, vol. 18, n. 4, 1º luglio 2016, pp. 553–558, DOI:10.1177/0269881104047283.

Phillip R Zoladz, Collin R Park e Carmen Muñoz, Tianeptine: An Antidepressant with Memory-Protective Properties, in Current Neuropharmacology, vol. 6, n. 4, 4 aprile 2017, pp. 311–321, DOI:10.2174/157015908787386096.

Bernhard T. Baune e Lisa Renger, Pharmacological and non-pharmacological interventions to improve cognitive dysfunction and functional ability in clinical depression – A systematic review, in Psychiatry Research, vol. 219, n. 1, 30 settembre 2014, pp. 25–50, DOI:10.1016/j.psychres.2014.05.013.

I. Wilde e P. Benfield, Tianeptine. A review of its pharmacodynamic and pharmacokinetic properties, and therapeutic efficacy in depression and coexisting anxiety and depression, in Drugs, vol. 49, n. 3, March 1995, pp. 411–439.

Levin, Coaxil (tianeptine) in the treatment of depression in Parkinson’s disease, in Neuroscience and Behavioral Physiology, vol. 37, n. 4, 1º maggio 2007, pp. 419–424, DOI:10.1007/s11055-007-0029-0.

Iu A. Aleksandrovskiĭ, A. S. Avedisova e I. V. Boev, [Efficacy and tolerability of coaxil (tianeptine) in the therapy of posttraumatic stress disorder], in Zhurnal Nevrologii I Psikhiatrii Imeni S.S. Korsakova, vol. 105, n. 11, 1º gennaio 2005, pp. 24–29.

Sohn, O. Y. Lee e J. G. Kwon, Tianeptine vs amitriptyline for the treatment of irritable bowel syndrome with diarrhea: a multicenter, open-label, non-inferiority, randomized controlled study, in Neurogastroenterology & Motility, vol. 24, n. 9, 1º settembre 2012, pp. 860–e398, DOI:10.1111/j.1365-2982.2012.01945.x.

Journals on the Web, su journals.prous.com.

Hai Lin, Bong Ha Heo e Woong Mo Kim, Antiallodynic effect of tianeptine via modulation of the 5-HT7 receptor of GABAergic interneurons in the spinal cord of neuropathic rats, in Neuroscience Letters, vol. 598, 26 giugno 2015, pp. 91–95, DOI:10.1016/j.neulet.2015.05.013.

Tayfun I Uzbay, Tianeptine: Potential influences on neuroplasticity and novel pharmacological effects, in Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry, vol. 32, n. 4, 15 maggio 2008, pp. 915–924, DOI:10.1016/j.pnpbp.2007.08.007.

https://www.karger.com/Article/Abstract/76721, su www.karger.com.

Manilal Gada, Treatment of depression with the serotonin reuptake enhancer tianeptine in the primary care setting of India, in Journal of the Indian Medical Association, vol. 103, n. 2, 1º febbraio 2005, pp. 105–106.

Bruce S. McEwen, Sumantra Chattarji e David M. Diamond, The neurobiological properties of Tianeptine (Stablon): from monoamine hypothesis to glutamatergic modulation, in Molecular psychiatry, vol. 15, n. 3, 4 aprile 2017, pp. 237–249, DOI:10.1038/mp.2009.80.

Mennini, E. Mocaer e S. Garattini, Tianeptine, a selective enhancer of serotonin uptake in rat brain, in Naunyn-Schmiedeberg’s Archives of Pharmacology, vol. 336, n. 5, 1º novembre 1987, pp. 478–482, DOI:10.1007/BF00169302.

S. McEwen e J. P. Olié, Neurobiology of mood, anxiety, and emotions as revealed by studies of a unique antidepressant: tianeptine, in Molecular Psychiatry, vol. 10, n. 6, 8 marzo 2005, pp. 525–537, DOI:10.1038/sj.mp.4001648.

Siegfried Kasper e Bruce S. McEwen, Neurobiological and clinical effects of the antidepressant tianeptine, in CNS drugs, vol. 22, n. 1, 1º gennaio 2008, pp. 15–26.

Bruce S. McEwen e Sumantra Chattarji, Molecular mechanisms of neuroplasticity and pharmacological implications: the example of tianeptine, in European Neuropsychopharmacology, vol. 14, 1º dicembre 2004, pp. S497–S502, DOI:10.1016/j.euroneuro.2004.09.008.

M. Gassaway, M.-L. Rives e A. C. Kruegel, The atypical antidepressant and neurorestorative agent tianeptine is a μ-opioid receptor agonist, in Translational Psychiatry, vol. 4, n. 7, 15 luglio 2014, pp. e411, DOI:10.1038/tp.2014.30.

Wolters Kluwer Health – Article Landing Page, su pt.wkhealth.com.

Invernizzi, L. Pozzi e S. Garattini, Tianeptine increases the extracellular concentrations of dopamine in the nucleus accumbens by a serotonin-independent mechanism, in Neuropharmacology, vol. 31, n. 3, 1º marzo 1992, pp. 221–227, DOI:10.1016/0028-3908(92)90171-K.

Verónica Trujillo, Patricia E. Durando e Marta M. Suárez, Maternal separation in early life modifies anxious behavior and Fos and glucocorticoid receptor expression in limbic neurons after chronic stress in rats: effects of tianeptine, in Stress (Amsterdam, Netherlands), vol. 19, n. 1, 1º gennaio 2016, pp. 91–103, DOI:10.3109/10253890.2015.1105958.

Sjoukje D. Kuipers, Andrea Trentani e Eddy A. van der Zee, Chronic stress-induced changes in the rat brain: Role of sex differences and effects of long-term tianeptine treatment, in Neuropharmacology, vol. 75, 1º dicembre 2013, pp. 426–436, DOI:10.1016/j.neuropharm.2013.08.018.

Caio Maximino, Monica G. Lima e Karen R. M. Olivera, Adenosine A1, but not A2, receptor blockade increases anxiety and arousal in Zebrafish, in Basic & Clinical Pharmacology & Toxicology, vol. 109, n. 3, 1º settembre 2011, pp. 203–207, DOI:10.1111/j.1742-7843.2011.00710.x.

The effect of chronic tianeptine administration on the brain mitochondria: direct links with an animal model of depression (PDF Download Available), su ResearchGate.

Tianeptine reduces mechanical allodynia in spinal nerve-ligated and chemotherapy-induced neuropathic mice, su ResearchGate.

Effects of tianeptine on symptoms of fibromyalgia via BDNF signaling in a fibromyalgia animal model (PDF Download Available), su ResearchGate.

Lionel Waintraub, Lucia Septien e Paul Azoulay, Efficacy and Safety of Tianeptine in Major Depression, in CNS Drugs, vol. 16, n. 1, 1º gennaio 2002, pp. 65–75, DOI:10.2165/00023210-200216010-00005.

J. Wagstaff, D. Ormrod e C. M. Spencer, Tianeptine: a review of its use in depressive disorders, in CNS drugs, vol. 15, n. 3, 2001, pp. 231–259.

M M Gassaway, M-L Rives e A C Kruegel, The atypical antidepressant and neurorestorative agent tianeptine is a μ-opioid receptor agonist, in Translational Psychiatry, vol. 4, n. 7, 2014-07, pp. e411, DOI:10.1038/tp.2014.30.

19 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Alessia
    Alessia dice:

    Buonasera Dottore,
    grazie per averci reso noto questo psicofarmaco. Io ho preso per 14 anni 1 pasticca di sereupin da 20 mg, 1 lyrica da 75 mg la sera per una depressione maggiore ansiosa. Poi non perché mi sentissi di nuovo depressa o ansiosa ho deciso di provare a toglierli e li ho scalati lentamente da sola. Risultato dopo 7 mesi ho provato per la prima volta una totale anedonia e sono ricrollata in depressione. Lo psichiatra allora mi ha rimesso sotto terapia aggiungendomi lamictal 100mg 1 al giorno. Secondo lei potrei inserire la Tianepina togliendo qualcosa per recuperare la libido? grazie Alessia

    Rispondi
    • Angelo Mercuri
      Angelo Mercuri dice:

      Buonasera Alessia, purtroppo da marzo per motivi inspiegabili il nostro genio ministro Speranza ha incluso la Tianeptina tra le peggiori droghe e quindi ne è vietata la prescrizione e la vendita. Penso che dietro ci sia un volgare motivo commerciale perchè la tianeptina con la sua efficacia probabilmente averebbe oscurato gli altri antidepressivi. Ho fatto richiesta al Ministero della Salute riguardo ai motivi di questa mossa imprevista del Ministro ma non ho ancora ricevuto risposta. Nella letteratura scientifica si parla solo bene di tianeptina e nessuno ha mai messo in evidenza un potenziale rischio di abuso per questa molecola.

      Rispondi
      • fringuello
        fringuello dice:

        La stessa cosa è capitata recentemente al Phenibut, ansiolitico molto noto nelle comunità di utilizzatori di “nootropi” come longecity, inserito in Tabella I e ottenibile qui solo con ricetta in triplice copia.
        La Tianeptina in alcuni paesi viene usata dai tossici per ottenere un high simile agli oppiacei, quindi è stata limitata.
        Credo che più che per interesse, sia per scimmiottamento che hanno recepito queste limitazioni avvenute in altri paesi UE, e hanno tabellato queste sostanze facendo di tutt’erba un fascio (nel caso del Phenibut, il decreto cita 1-2 accessi in pronto soccorso tra le motivazioni – sorvolando sulle migliaia che avvengono causa abusi di benzodiazepine ecc.).
        In UK invece qualche anno fa è passato il Psycoactive substance act che fa ancora peggio, che criminalizza persino sostanze deboli come il piracetam.

        Rispondi
      • Hess
        Hess dice:

        Sono convinto che il motivo sia dovuto al fatto che la tianeptina ha ricevuto più notorietà in seguito alla scoperta del coinvolgimento dei recettori oppioidi che per la sua efficacia antidepressiva. C’è da dire che oltre ai pregiudizi legati alla consapevolezza del coinvolgimento dei recettori mu, già da diversi anni si è a conoscenza dell’abuso (soprattutto nei paesi dell’est) utilizzandola al di fuori dei parametri descritti per uso medico (iniezioni o ultra-dosaggio) proprio per cercare di raggiungere un effetto simile agli oppiacei. Riferisco ciò con rammarico visto il profilo davvero interessante che credo sia rimasto sotto traccia per anni solo per motivi commerciali. Per altro mi sono sempre chiesto come sia stato possibile che qualcuno abbia iniziato ad usarla come droga visto il costo enorme se confrontato alle vere droghe

        Rispondi
        • Marcellino
          Marcellino dice:

          Vorrei aggiungere che la Tianeptina è uno dei pochi antidepressivi che migliora le funzioni cognitive, aumentando le subunità del recettore AMPA, e conseguentemente le funzioni della corteccia prefrontale. Questo a mio avviso è molto importante, perché innanzitutto sono pochi i farmaci che riescono a ridurre i sintomi cognitivi, che spesso permangono anche quando altri sintomi scompaiono, e poi perché questo avviene con un profilo di effetti collaterali assolutamente favorevole rispetto a qualsiasi altro farmaco antidepressivo, che lo rende più sicuro sia come prima scelta che per un eventuale approccio polifarmaco.

          Spero che la questione del potenziale d’abuso venga rivista, sia perché è molto più difficile che possa essere usata in questo modo rispetto ad a tante ltre sostanze che vengono commercializzate, e sia perchè sta portandoca privarci di uno strumento molto importante e unico nel suo genere

          Rispondi
          • Angelo Mercuri
            Angelo Mercuri dice:

            Grazie, adesso che per fortuna se ne è andato Speranza, autore della messa al bando di Tianeptina, essendo il ministro attuale un medico forse rivede il provvedimento.

  2. Elena
    Elena dice:

    Salve dottore, trovo molto interessanti i suoi articoli. Senza soffermarmi ora sulla mia condizione (personalità borderline con tratti depressivo ansiosi) ho praticamente provato tutti gli psicofarmaci in commercio e pure la psicoterapia ma nessuno di questi ha migliorato la qualità della mia vita. Dopo aver letto il suo articolo ho approfondito l’argomento Tianeptina con delle ricerche e trovo sia una molecola interessante con molte potenzialità e vorrei tanto provarla. Purtroppo non mi fido ad ordinarla online in quanto non avrei alcuna certezza sulla purezza e affidabilità del prodotto (le farmacie online hanno quasi sempre prodotti cinesi o affini). Lei cortesemente sa dirmi a quale medico potrei rivolgermi per chiederne l’ importazione ? Il mio neurologo non è d’accordo a prescrivere farmaci non in commercio in Italia purtroppo e neppure è un tipo molto collaborativo o con ampie vedute. La ringrazio in anticipo

    Rispondi
    • Angelo Mercuri
      Angelo Mercuri dice:

      Buongiorno Elena, come scrivevo ad Alessia, non solo Tianeptina non è venduta in Italia ma da marzo 2020 è anche stata inclusa tra gli stupefacenti in Italia! Vergogna! Ho letto tutti i più autorevoli articoli su questa molecola e tutti ne parlavano come l’antidepressivo più promettente e con pochissimi effetti collaterali (nulli sulla sessualità, nessun effetto anticolinergico nè antiadrenergico nè antistaminico) e nessun rischio di abuso. Eppure, e penso proprio per tali motivi, Tianeptina è stata inclusa in Italia nella tabella degli stupefacenti insieme a cocaina, LSD ed Eroina. E’ molto probabile che ci siano dietro le pressioni sul ministero italiano delle case produttrici degli altri antidepressivi che sarebbero stati spiazzati da Tianeptina. Volgari motivi commerciali insomma. Io avevo cominciato a prescriverla ad alcuni miei pazienti e sembrava funzionasse bene ma ho dovuto fargliela subito sospendere a causa della messa al bando da parte del nostro ministro Speranza. Da notare che continua ad essere venduta in Francia e in Spagna ad esempio: se davvero fosse una sostanza pericolosa potrebbero continuare a venderla le civilissime Francia e Spagna? Ho scritto al Ministero della Salute ma non ho ricevuto risposta. A breve scriverò nuovamente per chiarimenti e probabilmente avrò bisogno dell’aiuto dei miei lettori perchè una richiesta corale di informazioni riguardo ai motivi per cui Tianeptina è stata messa al bando ha sicuramente più forza. Cordiali saluti,
      A.Mercuri

      Rispondi
  3. mauro
    mauro dice:

    Buongiorno Dottore.
    Ho letto con molto intetesse i messaggi intercorsi con Alessia e Elena.
    Le riporto la ns esperienza.
    La mia compagna, nel corso degli ultimi 25 anni, sotto la guida di un psichiatra ha fatto uso di ansiolitici, prima seratonina, poi triciclici e infine vanlafaxina (1cp da37,5mg) per far fronte ad una depressione, con risultati piu che buoni per il suo equilibrio permettendoci una qualita di vita normale e questo è importante, però le ha causato un forte calo del desiderio sessuale da altrettanti anni che non è sempre facile da affrontare.
    Ho letto le sue considerazioni sulla Tianaptina e dell’assenza dei effetti sulla sfera sessuale ma purtroppo non si può usare.Le chiedo: c’è qualcos’altro che possiamo fare per almeno limitare gli effetti nella sfera sessuale?
    Grazie.
    Cordiali saluti
    Mauro

    Rispondi
    • Angelo Mercuri
      Angelo Mercuri dice:

      Buongiorno, esperienza diretta ne ho poca perchè in Italia non è mai stato in vendita e quindi è stato pochissimo conosciuto e usato. Dalla letteratura mondiale si evince però che ha un meccanismo d’azione suo peculiare che lo rende estremamente efficace e con meno effetti collaterali degli antidepressivi in uso. Purtroppo da marzo 2020 quel genio del nostro ministro Speranza l’ha incluso tra gli stupefacenti, al pari di LSD, eroina, cocaina, ecc. per misteriosi motivi che sembra tuttavia siano volgarmente commerciali: avrebbe dissestato il mercato degli altri antidepressivi e “Qualcuno” ha chiesto che venisse messo al bando per non rovinare gli affari d’oro delle case farmaceutiche. La prova che non è una sostanza stupefacente sta nel fatto che è liberamente venduta nella civilissima Francia, in Spagna, in Canada e in molti altri Paesi. Ho scritto al ministero della salute ma ovviamente non mi hanno risposto. Avrò bisogno probabilmente di fare una richiesta di spiegazioni a nome non solo mio ma di tutta la comunità di italiani che lo richiedono creando una colletta di firme. Tra poco prenderò in mano la questione e allora avrò bisogno dell’aiuto dei miei lettori. Un cordiale saluto,
      Angelo Mercuri

      Rispondi
  4. Elena
    Elena dice:

    Vorrei contribuire ulteriormente al discorso Tianeptina con la mia esperienza di alcuni mesi fa. Questo ovviamente NON è un invito all’automedicazione. Soffrendo di depressione ansiosa apparentemente refrattaria ad ogni farmaco (l’unico che devo ancora provare è la Moclobemide) sono riuscita ad ottenere una confezione di Stablon dalla Francia grazie a strette conoscenze nel campo medico. Purtroppo non ho potuto valutare la possibile efficacia di questa molecola interessante in quanto dopo 3/4 giorni dalla assunzione è comparso globo faringeo, un effetto indesiderato piuttosto drammatico per chi non l’ha mai sperimentato. È come la percezione di un corpo estraneo in gola, pensi di soffocare e sopraggiunge subito il panico. Tra l’altro questo effetto indesiderato (raro) E’ elencato nel bugiardino! Ho sospeso immediatamente l’assunzione e il sintomo si è attenuato, ma è scomparso del tutto solo dopo diversi mesi. Invito dunque a prestare molta attenzione. Il dosaggio usato era quello indicato e non sussistevano controindicazioni, patologie concomitanti od assunzione di altri farmaci.

    Rispondi
  5. Gino
    Gino dice:

    Salve dottore, innanzitutto Le vorrei fare i complimenti per il sito ricco di preziose informazioni e anche il canale Youtube di cui ho visto quasi tutti i video dai quali trapela chiaramente come nel suo lavoro si prodighi veramente per avere come unico risultato il benessere dei suoi pazienti senza secondi fini cosa ahimè sempre piu rara non solo nella categoria dei medici (ormai molti ridotti a meri dispensatori degli ultimi costosi ritrovati delle case farmaceutiche) ma in tutte le categorie professionali e nella società in generale ormai imbastardita e priva di valori morali ma governata solo dagli interessi personali e dal denaro. Chiusa questa breve parentesi sono arrivato a questo articolo e successivamente al suo sito e dunque a Lei ricercando appunto questa sostanza che credo sia stata inserita nella tabella delle sostanze stupefacenti in Italia a seguito di un uso assolutamente improprio avvenuto recentemente negli USA (dove non era mai stato approvato come farmaco e quindi godeva di un vuoto legislativo) come principio attivo di compresse vendute come integratori alimentari ai bar dei distributori di carburante con i nomi “TIANAA, ZAZA, NEPTUNE’S FIX” ecc contenenti una quantità abominevole e criminale (150 – 531mg per pillola) di tianeptina presto ribattezzata come “GAS STATION HEROIN” ovvero l’eroina delle stazioni di servizio, e a quanto pare c’è gente che ne ha sviluppato una vera e propria dipendenza arrivando ad assumere un intero barattolo di 15 compresse al giorno e come un qualunque agonista dei recettori oppioidi si segnalano casi di overdose risolti con iniezioni di naloxone, e purtroppo anche alcuni decessi. Direi cose del tutto prevedibili quando a qualcuno viene in mente di ingurgitarsi grammi al giorno di qualsiasi sostanza che dovrebbe invece essere somministrata in milligrammi……ma tant’è. Di seguito le fonti:
    http://nypost.com/2023/03/11/users-getting-hooked-on-gas-station-heroin-pills-report/
    http://www.consumerreports.org/health/tianeptine-illegal-dietary-supplement-is-being-sold-and-the-fda-knows-it-a2885441997/
    http://mtbrands.com/tianaa/

    Rispondi
  6. Gino
    Gino dice:

    Inoltre Le vorrei segnalare dato che appunto l’azione antidepressiva e stimolante di tianeptina sembrerebbe ricercarsi nella affinità con i recettori MU degli oppioidi che anche un altro farmaco, il tramadolo, ha un effetto che (pur non avendo mai assunto tianeptina) credo sia farmacologicamente molto simile e che ho potuto constatare in prima persona quando ho assunto il farmaco Contramal 100 prescritto come analgesico, in realtà rivelatosi poi neanche tanto efficace come antidolorifico e di effetto simile a un banale toradol ma ho invece notato appena dopo un ora una sensazione di energia, felicità, benessere, motivazione a fare qualcosa di utile e produttivo ed una strana sensazione di pace con il mondo come se anche senza fare nulla tutte le cose si incastrassero nel verso giusto (spero di aver reso l’idea) mai provata prima. Ciò senza accusare minimamente stordimento, sonnolenza, irritabilità o altri effetti mentali spiacevoli. Unico effetto collaterale (fisico) un fastidioso prurito in tutto il corpo alla prima somministrazione che si è poi attenuato fino a scomparire del tutto nei giorni seguenti. Al chè mi sono detto: “ma questa roba farebbe saltare dal letto e tornare a vivere all’istante anche il paziente piu depresso…..possibile che nessuno abbia mai provato ad usarlo come antidepressivo/stimolante?” Mi è bastato cercare su google: “tramadol as antidepressant” per vedere un mondo di articoli e forum di gente che ha lottato per anni con la depressione e provato un sacco di farmaci classici avendo risultati nulli o appena soddisfacenti o magari positivi ma con successive ricadute, rinascere dopo aver assunto tramadolo “per sbaglio” prescritto appunto come antidolorifico e di usarlo ormai da anni a basso dosaggio tipo 50mg al giorno efficacemente. La cosa interessante è che funziona subito, nel giro di un ora mentre i classici antidepressivi ci mettono settimane ad entrare a regime. Di seguito il link ad un forum (in inglese) dove molti utenti ne elogiano l’efficacia.
    https://www.drugs.com/comments/tramadol/for-depression.html?page=1
    Penso che potrebbe meritare un Suo articolo di approfondimento.
    Un saluto.

    Rispondi