Lyrica

Il Lyrica (Pregabalin) è ufficialmente indicato per la cura dell’epilessia, del dolore neuropatico, della fibromialgia e dell’ansia generalizzata ma viene spesso prescritto anche per altri svariati disturbi psichiatrici compreso il disturbo bipolare dell’umore.

Pregabalin ha due azioni:

1) si lega ai canali del calcio voltaggio-dipendenti del neurone inibendo il rilascio di numerosi neurotrasmettitori come glutammato, noradrenalina, sostanza P.

2) pur avendo una struttura molecolare simile a quella del GABA stranamente non si lega al recettore del GABA ma fa aumentare la concentrazione di quest’ultimo accelerandone la sintesi.

Pregabalin esplica in suo effetto solo se assunto in modo continuativo per almeno 1 settimana quindi non è indicato per gestire i disturbi d’ansia acuti. Gli effetti collaterali più comuni sono vertigine e sonnolenza ma può causare anche euforia in alcuni soggetti e questo pur piacevole effetto diventa pericoloso se dà luogo ad abuso.

I dati indicano che negli anni dal 2006 al 2016 le prescrizioni di Lyrica in Inghilterra sono aumentate di 11 volte passando da 476.102 nel 2006 a 5.547.560 nel 2016 e questo è un dato impressionante e allarmante perchè indica che Lyrica viene prescritto con una facilità eccessiva dato il suo potenziale d’abuso, dipendenza e gli effetti a lungo termine non noti. Ancora, vorrei sottolineare che quando si assume un farmaco in modo continuativo per settimane, per mesi, per anni, come si deve fare con antipsicotici, antidepressivi, stabilizzanti dell’umore, antiepilettici e Lyrica, le modificazioni che si producono nel cervello sono profonde e quindi più grave e prolungata è l’astinenza qualora ce ne si volesse liberare (vedi mio precedente articolo sull’astinenza da antidepressivi).

Qui di seguito riporto il link per vedere la scheda tecnica ufficiale di Lyrica redatta dall’AIFA

Ancora, molto bella la scheda redatta dalla World Health Organization (WHO) relativa al rischio di dipendenza legato al Lyrica

Consiglio inoltre questo articolo sugli effetti collaterali di Lyrica

Un caro saluto,

A. Mercuri

13 commenti
  1. Ramona
    Ramona dice:

    Gentile dottore aiuta nella depressione agitata peggiorata dagli antidepressivi e assuefazione alle benzo con severa una insonnia e pensieri brutti che terapia vede come piu adeguata senza peggiorare lo stato ma dare un po di sollievo

    Rispondi
    • Angelo Mercuri
      Angelo Mercuri dice:

      Buongiorno Ramona, forse ci siamo già conosciuti. Non c’è un farmaco che vada bene per tutti, bisogna conoscere la persona, possibilmente vederla di persona per capire di cosa ha bisogno. Lyrica ad esempio è un ottimo ansiolitico che può sostituire le benzodiazepine ma non per tutti è adatto.

      Rispondi
  2. Mauro
    Mauro dice:

    Salve, io soffro di depressione e da una vita prendo prozac, ma non è sufficiente per un buon umore. Ho provato Lyrica 25 mg al giorno e già mi bastava per stare molto meglio. Il mio terrore, dato che nel frattempo ho avuto ma per la verità prima dell’assunzione, una riduzione della libido l’ho sospeso ma mi faceva bene. Secondo lei con un dosaggio così basso può aver contribuito a questa riduzione della libido o magari non c’entra nulla? Grazie

    Rispondi
      • Mauro
        Mauro dice:

        Grazie, in effetti 25 mg di lyrica mi facevano stare decisamente meglio e peraltro questa alterazione sessuale suffragata da un esame del testosterone (313 testosterone totale) era antecedente alla prima assunzione di lyrica 25. Quando ho rifatto testosterone in presenza di lyrica era addirittura aumentato anche se di poco (334). Ma sa gli andrologi ed endocrinologi fanno presto a trovare il capro espiatorio senza fare peraltro questi ragionamenti. Lei conferma, almeno dai valori del testosterone prima e durante assunzione di lyrica che è improbabile che lo stesso lyrica influisca, almeno dalla cronologia dei valori testosteronici mi sembra evidente. Corretto?

        Rispondi
      • GIANLUCA
        GIANLUCA dice:

        Dottore ho un problema neuropatico per il quale mi prescrissero il Lyrica. Poiché ho anche problemi di ansia che ora sto iniziando a gestire con la psicoterapia potrei sfruttare il fatto che il Lyrica mi aiuterebbe sia per l’ansia che per la neuropatia? Mi avevano prescritto 75 mg la sera ma volevo provare a partire da 25 mg a settimana e vedere come va

        Rispondi
  3. Mauro
    Mauro dice:

    Dottore, sto avendo una ricaduta come spesso accade con prozac, non è sufficiente per la mia depressione che causa ipersonnia, letargia e mancato interesse per quasi tutto. Ho letto un suo articolo sul brupropione che sarebbe indicato secondo lei in tutte queste forme depressive con letargia e forte abbattimento di umore, potendo dare voglia di fare e tra le altre anche la Funzione sessuale che con depressione letargica va a scemare. Perché gli psichiatri di oggi non lo prescrivono mai o si dicono contrari? Grazie per la risposta

    Rispondi
    • Angelo Mercuri
      Angelo Mercuri dice:

      Buongiorno Mauro, c’è di meglio del bupropione il quale, nonostante la pubblicità che gli hanno fatto, è un farmaco con fastidiosi effetti collaterali (insonnia, inappetenza, ansia) e poco efficace.

      Rispondi
  4. Marco
    Marco dice:

    Buonasera e complimenti x il sito e le informazioni date.
    Prendo alprazolam (prescritto dal medico di famiglia dopo un attacco di panico) da cicrca 5/6 anni 0.5 mg x tre volte al giorno. Lei pensa che il Pregabalin associato allo scalaggio dell’alprazolam e un antidepressivo tipo Paroxetina siano la cura giusta per eliminare le benzodiazepine?

    Rispondi
    • Angelo Mercuri
      Angelo Mercuri dice:

      Buongiorno, in generale per togliere una benzodiazepina bisogna solo scalarla lentamente senza aggiungere altro. Di solito ad ogni goccia che togli stai sempre meglio e non serve altro. Consideri che la dipendenza da antidepressivi è molto peggiore. Quanto al Lyrica si prende solo se fallisce lo scalaggio della benzodiazepina o se ci sono grossi disturbi mentali alla base.

      Rispondi
  5. Federica
    Federica dice:

    Buon giorno dottore, prendo citalopram da 15 anni e in questo ultimo periodo ho L ansia tutti i giorni e non esco di casa ho lo stomaco contratto al massimo. La mia psichiatra mi ha prescritto il pregabalin ma io ho paura che mi porti alla dipendenza e ha molti effetti collaterali. Grazie

    Rispondi
    • Angelo Mercuri
      Angelo Mercuri dice:

      Dopo 15 anni un antidepressivo arriva a fare effetto opposto: provi a sospenderlo lentamente ma non troppo cioè nell’arco di circa 3 mesi. Quanto al Pregabalin non deve avere timori, può aiutare come effetto ansiolitico di base anche se non ha certo l’effetto incisivo e rapido delle benzodiazepine. Dipende dal dosaggio, ma solitamente non ha effetti collaterali di rilievo. Per essere coperti nelle 24 ore generalmente và preso 3 volte al giorno, potrebbe fare intanto 25 mg 3 volte al giorno.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *