Già cominciano i suicidi?

Ma come? Già cominciano i suicidii da quarantena? Pensavo sarebbero cominciati un pò più avanti!

Non si è ancora sicuri che si tratti di suicidio, d’accordo, ma mi vengono legittimi sospetti. Immaginate cosa può voler dire starsene da soli come appestati in un appartamento di 50 mq alla periferia di una città moderna, senza nessuno che ti viene a trovare, senza un giardino, senza un terrazzo e magari….sei anche asintomatico, positivo solo sulla carta! Terribile, mi vengono i brividi solo a pensarci.

Notate che hanno spento anche il servizio “Telefono amico” in quanto non fanno avere ai dipendenti di tale istituzione fondamentale anti-disperazione, i permessi per spostarsi; inoltre, come sapete, sono vietate anche le Sante Messe che erano consentite perfino nei periodi di peste.

Ecco la notizia appena diramata:

Esplode palazzina nel Bergamasco, un morto a Seriate, una delle zone più colpite dal Coronavirus

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

2 commenti
  1. Anna Gandolfo
    Anna Gandolfo dice:

    E’ terribile e assurdo che in un periodo come questo non sia attivo il “Telefono amico”, mi auguro che chi ha la possibilità di farlo provveda a ripristinare il servizio il prima possibile. In condizioni di isolamento poter sentire una voce amica dà una grande forza ed un grande sollievo.
    Ognuno di noi però può prendere il telefono e chiamare amici e conoscenti, anche per un semplice saluto, ed è un bene reciproco… Sono sicura che tanti ci abbiano pensato!
    Un saluto a tutti!
    Anna

    Rispondi
  2. Angelo Mercuri
    Angelo Mercuri dice:

    Grazie Anna, è così. Però, a mio parere, il Telefono Amico ha un ruolo insostituibile perchè consente ad una persona con problemi psicologici urgenti di parlare gratuitamente e quante volte vuole con un altro essere umano che lo ascolta, mentre gli amici ti ascoltano con interesse la prima volta ma già alla seconda tendono a dirti che sono occupati e alla terza non si fanno trovare.
    Un caro saluto

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *