Morti giovani e sani: ma non per il virus!

“Il Gazzettino” on line Domenica 29 Marzo 2020

Positivo al Coronavirus: imprenditore di 54 anni si uccide nella villetta. Quei biglietti davanti casa: “È contaminato”

Imprenditore si scopre positivo al Coronavirus e si uccide a 54 anni (foto Pixabay)

Scopre di essere positivo al Coronavirus e si toglie la vita. È accaduto a Villaguattera di Rubano, nel padovano, dove un uomo di 54 anni si è soffocato con un sacchetto di cellophane in testa. Il fatto è accaduto sabato mattina ma è stato reso noto oggi, domenica 29 marzo 2020.

I biglietti lasciati davanti a casa
A dare l’allarme è stata la famiglia del fratello che abita nella villetta in fianco a quella dove si è consumata la tragedia. Davanti a casa, prima di accedere, i militari hanno trovato due foglietti con su scritto «Chiamate il 118, non entrate perché è contaminato».

Sos Suicidi. Sono attivi alcuni numeri verdi a cui chiunque può rivolgersi per avere supporto e aiuto psicologico:
Telefono Amico 199.284.284
Telefono Azzurro 1.96.96
Progetto InOltre 800.334.343
De Leo Fund 800.168.678

Ultimo aggiornamento: 16:18© RIPRODUZIONE RISERVATA


“IL Gazzettino” on line Venerdì 27 Marzo 2020:

Coronavirus, morto suicida Roberto Galli batterista del gruppo Costa Volpara: non ha retto la solitudine dell’isolamento

Roberto Gallibatterista dei Costa Volpara, si è suicidato ieri sera a Blera, in provincia di Viterbo. A trovare il corpo del musicista, sono stati i genitori e la figlia, con i quali stava trascorrendo l’isolamento forzato a causa del coronavirus. L’uomo, 47 anni, si è impiccato in casa e non risulta che fosse positivo al virus, ma soffriva la solitudine forzata di questi giorni.

Sconvolta la comunità di Blera in provincia di Viterbo: Galli era molto conosciuto in paese e anche apprezzato per la sua attività di musicista, che lo avevo portato anche a collaborare con artisti di fama nazionale. «È un giorno triste per il nostro paese, di quelli in cui ti manca il fiato. Oggi non abbiamo parole, soltanto il silenzio assordante di una comunità che vorrebbe abbracciarsi ma non può. Siamo vicini alla famiglia, virtualmente perchè non possiamo neppure incontrarla e questo rende il nostro cordoglio, se possibile, ancora più straziante. È il giorno del dolore. Ciao Roberto», scrive su Facebook il sindaco Elena Tolomei. «Non riusciamo a spiegarci perché. Non aveva dato alcuna avvisaglia del suo malessere. Fino la pomeriggio – racconta il primo cittadino – si era sentito con gli amici. Non vorrei che il suo gesto fosse legato a questo periodo di clausura forzata per tutti». Quello che più addolora il sindaco è non poter stare vicina alla famiglia. «Ho telefonato, certo. Ma – dice rammaricata – non è la stessa cosa. Non possiamo nemmeno celebrare il funerale: nei piccoli paesi tutti ci conosciamo e, di fronte a simili tragedie, si esprime l’affetto e la vicinanza con un gesto, un abbraccio, partecipando al corteo funebre. Non potremo fare nulla di tutto ciò. Siamo distrutti». Tra i tanti amici di Galli, un post è arrivato da Cesare Chiodo, autore di musica pop e tra i bassisti più richiesti da tanti artisti. Ha lavorato con Laura Pausini, Adriano Celentano, Vasco Rossi, Mina, Andrea Bocelli, Nek, Ivana Spagna, Raf, Ornella Vanoni, Anna Oxa, Gigi D’Alessio, Anna Tatangelo, Marco Masini, Luca Carboni, Gianni Morandi, Giorgia, Fiorella Mannoia, Antonello Venditti ecc. 
Questo il suo saluto all’amico: “La fragilità ha qualcosa a che fare con la bellezza, ma non oggi. Sei sempre stato disponibile, generoso e solare, oggi siamo tutti increduli davanti a questa tua decisione. Ciao Robbè”.

Ultimo aggiornamento: 19:14© RIPRODUZIONE RISERVATA

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *